Sandra D’Ippolito, l’intreccio tra riciclo e arte

Le patch bag e altri accessori eco

Gli occhi di una donna sbrilluccicano davanti alle borse. Diciamocelo, senza passare per delle svampite: per molte di noi, i tentacoli di questi accessori rischiano di instaurare quel patto che suggellò Faust con Mefistofele per restare sempre giovani dentro e fuori, essenzialmente, con un’anima cucita addosso. Questo viaggio alla scoperta dei piaceri (tanto per seguire l’intreccio del poema di Wolfang Goethe) può, però, placare il nostro senso di colpa di dannate, di accumulatrici seriali di borse. Così la battaglia tra i vizi e la virtù potrebbe finire in pareggio. Me ne convinco mentre guardo le patch bag di Sandra D’Ippolito, architetto di Belvedere Marittimo (Cs), un vulcano di idee e sorrisi, una donna con un bagaglio pieno di risorse da ammirare.

Sandra all’opera

Borse, portachiavi, borsellini e astucci per il tabacco che disegna e realizza Sandra sono al 100 percento ecologici. Sono colorate, lucide, allegre: delle eco bag che questa calabrese crea con materiale di riciclo per ridare loro una nuova vita. Un lavoro certosino, lungo, con una cura maniacale per la precisione che mostra quanto importante sia tutelare e diffondere l’home made e la fatica che c’è dietro ogni manufatto. E Sandra fa parte di questa splendida catena di montaggio per la salvaguardia dell’artigianato, con ogni pezzo unico in se stesso, originale, che racchiude un processo di ideazione, trasformazione e realizzazione.

pacht pochette (Ippolito)

«A casa ho dei contenitori pieni di carte per imballaggi di caffè, di croccantini per cani, di caramelle, di cioccolato e altri alimenti. Li prendo dai bar della zona, dagli amici, dalla mia famiglia: persone che conoscono la mia passione per il riciclo dei materiali. Sono convinta che tutto possa avere una seconda vita. Li lavo e li ordino per colore, per forma. Sono lì, pronti a rinascere», dice Sandra.

Carta da riciclo

Carta da riciclo

Siamo sedute a un tavolino di un bar di Belvedere, paese della Riviera dei Cedri. Di fronte a noi il mare calmo, un sole di aprile che ci riscalda i pensieri e il chiacchiericcio di due ragazzi stranieri. Ci culla un lungomare pieno di mosaici, tanti pezzi colorati tenuti assieme dall’arte: la cornice di questa storia che intreccia determinazione e volontà, creazione e amore per la natura, oltre che per le borse e per tutti gli accessori. L’avventura di Sandra e della sua passione che è diventata un piccolo lavoro, apprezzato da molti.

Patch bag (100% eco)

Mi accorgo che l’intreccio è ormai parte di lei: mentre parliamo, prende dal tavolino dei fazzolettini di carta velina, li liscia, li ripiega fino a dar loro la forma desiderata. Poi li incastra e ricomincia. Io, che ho la manualità sepolta sotto la coltre di un’incapacità dimostrata negli anni (ho persino dubitato di essere figlia di una creativa e abile maestra di scuola materna), la guardo con sorpresa. «Effettivamente che ci vuole a farlo?», mi chiede Sandra. E ci mettiamo a ridere.

«Tutto è iniziato per curiosità sette anni fa. Ho visto una trasmissione e mi è balenata in mente l’idea: creare delle borse con materiale di riciclo. Qualcosa che faceva anche mia madre e le sue amiche, quando da giovani intrecciavano le carte delle caramelle per farne dei bracciali e delle cinte prettamente decorative. Da lì ho iniziato con la sperimentazione per accessori originali e resistenti. Non mi sono più fermata».

pochette arcobaleno

pochette arcobaleno

Tentativi su tentativi; borse e pochette che, finalmente, hanno iniziato a prendere forma, la stessa o più sorprendente che aveva immaginato Sandra, con pezzetti che combaciano e creano un’armonia di colori e duttilità. Le sue borse sono resistenti, impermeabili e durature. Lucide proprio per il materiale usato.

«Per realizzare una borsa ci vogliono in media tre giorni intensi di lavorazione, con oltre 750 pezzi di incastro. Componenti che congiungo con diverse tecniche, come diversi sono i modelli che da anni creo». Il tutto viene cucito (anche qui, Sandra ha trovato il suo personale metodo) e rifinito a mano, con l’aggiunta delle cerniere, tracolle, catenelle, borchie e tanto ancora che prende in negozi all’ingrosso disseminati in Calabria. «Voglio che le borse siano perfette, senza nessuna sbavatura. Anche per far risplendere quel materiale di riciclo che diventa sostanza».

patch bag (cruciverba)

patch bag (cruciverba)

Negli anni questo architetto, amante del riciclo creativo, ha realizzato borse e bauletti di varie forme (anche borse cruciverba, fumetti e con le foto) da abbinare agli outfit in tutte le stagioni. «Le prime le regalavamo a mia nipote e alle mie amiche. Poi è iniziato il passaparola e da lì non mi sono più fermata, se non per delle necessarie pause creative. Le confeziono per clienti di tutt’Italia e dell’estero. Mi contattano per avere dei pezzi unici da regalare o da aggiungere alla collezione di borse da sfoggiare in occasioni importanti o di tutti i giorni. Ecco, la versatilità di questi accessori mostra quanto si possa fare con della semplice carta da riciclo, che altrimenti sarebbe da smaltire».

porta tabacco

Sandra è tra le poche, in Calabria, che crea queste eco bag o patch bag, come ama definirle lei: pezzi che vanno a comporre un mosaico colorato, luminoso (non usa nessuna lacca né vernici per dare la lucentezza alla borsa) e allegro. Come la prima patch bag che comprò a New York, conservata in un angolo del suo laboratorio. Un piccolo spazio che si è creata a casa sua, con un gatto, Ciccio, che miagola e cerca attenzioni, e un uomo che l’adora e ogni tanto prova ad aiutarla («Quando lui fa tre rettangolini io sono già avanti di cento, ma ammiro il supporto).

Lei, in vena creativa, se ne sta con il capo chino a ritagliare e intrecciare rettangoli di carta. Tra rocchetti di filo, borchie, bauletti ricolmi di fogli per imballaggio. E un silenzio su cui sovrastano l’odore di caramelle e respiri. Perché quando si riesce a dare una seconda possibilità di vivere, dopo essere stati “scartati”, la battaglia tra vizio e virtù, caro Mefistofele, è a totale appannaggio di quest’ultima.

Nel suo lab

A te non costa nulla. Per me è una fonte di soddisfazione enorme.

4 commenti
  1. Alessia Antonucci
    Alessia Antonucci dice:

    E’ vero! Sandra è bravissima. Grazie per il tuo prezioso commento!
    #ottenove a tutti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Francesco Schiavello: le fibre del fico d'India diventano gioielli

/
Francesco Schiavello, designer e architetto calabrese, crea gioielli dai fichi d'India. Quando la natura mostra la sua vera ricchezza